Canarie / E' tornato il calima, lo scirocco dell'Atlantico

  Valle Gran Rey (La Gomera /Canarie Orientali), 17 febbraio 2021

Da due giorni le isole Canarie sono avvolte da una fitta foschia giallo arancione sollevata dal vento dell'Africa, il "calima" come viene chiamato dalla gente del posto. E' un vento caldo che spira da Est, dalle coste del Sahara, e che porta la sabbia del deserto. Questo fenomeno atmosferico può durare diversi giorni e spesso provoca allergie e irritazioni per l'elevato livello di polveri sottili.


L'agenzia meteorologica spagnola Aemet aveva pubblicato una 'allerta gialla' per le giornate di lunedì e di ieri per la presenza di forti raffiche e di polveri. Le previsioni sono state corrette. Il vento e' 'entrato' puntuale lunedì mattina anche nell'isola della Gomera con forti raffiche e velando il sole con una coltre gialla.

   Nel mio ancoraggio a Valle Gran Rey, dove mi trovo con la mia barca a vela Maneki, c'e' stata un po' di apprensione, e ognuno si e' sistemato come meglio poteva, chi mettendo altra catena, chi aggiungendo una seconda ancora oppure cercando riparo nel vicino porto di pesca di Vueltas. Ci sono stati anche momenti di panico quando una barca di otto metri di un marinaio sudamericano ha cominciato ad arare rischiando di finire contro la mia. Per fortuna il proprietario era a bordo e mi ha dato una mano a spostare Maneki in un luogo più distante e poi a sua volta, con l'aiuto di altri marinai, ha dato fondo con un ancora più' grande e con più' calumo (in gergo marinaresco il cavo o la catena legata all'ancora e posata sul fondale). 

   Da parte mia ho dato fondo a tutta la mia catena, 45 metri in circa 11 metri di profondità, e Maneki ha tenuto bene. Le raffiche, di 30/35 nodi, la facevano piroettare e piegare su un fianco, pero' non si e' mai mossa. Ho anche usato una delle tante app per monitorare via GPS la mia posizione e attivare un allarme  in caso di 'aratura'. In piu' ci si controllava tra 'vicini' di barca via radio VHF.

   Il calima e' abbastanza comune a inizio primavera, quando il tempo e' perturbato da diverse depressioni che giungono dall'Africa e che prendono il posto del quasi onnipresente anticiclone delle Azzorre che stazione sull'arcipelago spagnolo facendone uno dei migliori clima del mondo. Anche lo scorso febbraio un fortissimo calima si abbatte' per diversi giorni sulle Canarie scatenando anche furiosi incendi a Gran Canaria. Erano i giorni dell'inizio della pandemia e si scherzava dicendo che alle Canarie avevano altri problemi più gravi del virus e altrettanto dannosi per i polmoni ...

   Anche se il vento cessa per diversi giorni il cielo rimane 'arancione' e un sottile strato di polvere gialla ricopre ogni cosa, anche all'interno della barca. Secondo un simpatico detto popolare, a causare il calima sarebbero i beduini del Sahara quando scuotono i loro i loro tappeti al vento del deserto.

Canarie segrete/2 Gomera, la fattoria di Osho e la frana

    Questa è la seconda parte dell'inchiesta sulle sette dell'isola della Gomera nate alla metà degli anni Ottanta, in fuga da Chernobyl, sulla scia di molte comunità "hippies" tedesche che qualche decennio prima avevano scelto questa isola delle Canarie come meta preferita. La 'finca" (fattoria in spagnolo) Argayall, oggi un centro di soggiorno per amanti della meditazione e spiritualità, e' associata al famoso guru indiano Osho. Non è chiaro se i suoi residenti siano ancora "sanyasi" (discepoli), perché il culto del famoso e controverso santone è un po' sbiadito e si è mescolato ad altre pratiche spirituali.  Il centro è oggi chiuso per la pandemia ma anche per una enorme frana che ha bloccato la strada di accesso dal porticciolo di Vueltas e che le autorità locali non hanno nessuna intenzione di sgomberare per il rischio di ulteriore caduta massi. Il 'karma' tanto invocato dagli hippies nudisti che vivono nell'area ha fatto si' che la finca fosse tagliata fuori dalla civiltà.  

Valle Gran Rey (Gomera), 10 Febbraio 2021

    Nel 1986 nasceva anche un altro esperimento di comunità spirituale alternativa in una delle più belle baie dell’isola della Gomera. È la ‘finca’ (fattoria in spagnolo) Argayall, un complesso rustico immerso in un rigogliosissimo giardino a fianco del porticciolo di pesca Vueltas. Il centro sorge sulla spiaggia di Argaga che appartiene al comune di Vallehermoso, mentre il villaggio a poche centinaia di metri curiosamente fa parte di un’altra amministrazione, quella di Valle Gran Rey. Sul suo website, la finca-hotel Argayall, che nella lingua dei nativi "guancio" significa “luogo di luce”, propone vari corsi di meditazione ispirati a Osho Rajneesh, il guru e filosofo indiano (1931-1990) che vanta schiere di seguagi (sanyasi) in tutto il mondo, anche se oggigiorno la sua fama è un po’ sbiadita.
   Da dicembre la strada sterrata di accesso  è bloccata da una gigantesca frana che si è staccata dalla alta falesia sovrastante la baia (ne ho parlato in questo post). I residenti e lo staff della “finca”, circa una ventina di persone, sono costretti a usare delle barche o canoe per andare al porto di Vueltas per approvvigionarsi. Ma quando il mare è molto mosso sono isolati, come “una isola dentro una isola”. Alcuni hippies tedeschi che vivono nelle grotte lungo la spiaggia l’hanno interpretato come un segno del destino, un “karma” speciale del luogo che ora è veramente tagliato fuori dalla civiltà.


   La vita della finca è quotidianamente sotto i miei occhi in quanto con la mia barca a vela Maneki sono spesso ancorata proprio di fronte. È un ancoraggio molto popolare nel sud della Gomera perché il mare è molto calmo e anche per la vicinanza del porticciolo. Inoltre Argayall mette a disposizione una fontana a orario (dalle 8 alle 10 del mattino) montata sulla recinzione esterna del giardino. È acqua potabile che arriva da una delle sorgenti dell’isola. L’acqua della Gomera era famosa anche ai tempi di Cristoforo Colombo che prima di salpare per l’oceano ignoto riempì i serbatoio delle sue tre caravelle proprio su questa isola delle Canarie.
    Dal cancello aperto della finca a volte si può sbirciare dentro il grande giardino, che sembra un’oasi, con una moltitudine di alberi e piante da frutto. Capita di vedere alcune persone impegnate in meditazione o nei corsi di Vipassana (in cui è vietato può parlare). Non c’è in realtà una associazione diretta con Osho, la finca non è un ashram, ma rispetta molte regole dei monasteri “sanyasi”. È curioso però che sia nata nello stesso anno dell’altra più famosa “finca resort” di El Cabrito, che dista a circa due ore circa di barca in direzione della capitale San Sebastian. Non c’è nessuno riferimento a Argayall nella storia della comune fondata dall'artista austriaco Otto Muehl arrestato nel 1991 per abusi sessuali su minori che sarebbero stati commessi proprio a La Gomera. Certo in quegli anni l’isola delle Canarie, conosciuta per il linguaggio del fischio, il “silbo gomero”, salì alla ribalta della stampa mondiale ed è probabile che le altre sette o comunità dell’isola siano state vittime loro malgrado di una pubblicità negativa indiretta. Sul passato della finca Agaryall si sa comunque poco e aleggia un poco di mistero su quel giardino incantato.

    Certo è che ora il suo futuro è molto compromesso non solo dalla pandemia che ha drasticamente ridotto il turismo ma anche dalla enorme frana. I residenti di Argaga (ci sono anche delle case rurali) stanno lottando contro le autorità che vogliono chiudere la stradina di accesso lungo la costa con una barriera di cemento che stanno costruendo dal lato del porto. Un muro che sta sollevando anche molte perplessità dal punto di vista ambientale perché taglia in due la spiaggia di Vueltas. Lo scopo è di impedire l’accesso allo sterrato considerato pericoloso. L’intera scogliera è a rischio di altre frane e a quanto pare non c’è intenzione di sgomberare la strada di accesso per renderla di nuovo percorribile con le auto. Sulla spiaggia di Argaga sono rimasti bloccati alcuni camperisti e i loro veicoli.
Un momento del difficile trasbordo di merci e persone dalla spiaggia di Argaga  

    Ma gli abitanti non si arrendono. Con una mini ruspa, che sembra un giocattolo, hanno iniziato a spostare qualche masso. Un lavoro ovviamente ciclopico che li ha convinti a desistere quasi subito. 

La fede smuove le montagne, si può dire e mi viene in mente un film di Bollywood, Manjihi The Montain Man, una storia vera di un povero manovale del Bihar che ha aperto una strada attraverso una montagna picconando a mano per oltre 20 anni.

Canarie segrete/Gomera: hippies, free sex e la setta scandalo del pittore Otto Muehl

Questa è l'incredibile storia della comune di El Cabrito, fondata dall'artista dell'Avanguardia viennese Otto Muehl, scomparso nel 2013 e al centro di uno scandalo per abusi sessuali agli inizi degli Anni Novanta. Per cinque anni la sua setta, che promuoveva la libertà sessuale e artistica, ebbe come sede "distaccata" una fattoria tropicale in una remota baia nel sud dell'isola della Gomera accessibile solo via mare. Dietro alla vita idilliaca dei suoi seguaci, si nascondevano però le violenze di Muehl sulle ragazze dai 12 ai 16 anni che venivano iniziate alle "gioie del sesso" dall'artista guru. Muehl fu condannato a sei anni di prigione, ma in seguito fu riabilitato e oggi le opere sono presenti in numerosi musei. La comune di El Cabrito invece si è trasformata in un ecoresort.


San Sebastian (isola La Gomera) – 5 Febbraio 2021
   La Gomera, una delle più piccole e meno turisticizzate isole delle Canarie, ha un passato sorprendente. A partire dagli anni Sessanta è stata una delle mete preferite degli hippies, la beat generation della contestazione in fuga dal consumismo e dalle conformismo sociale. In questo piccolo e semidisabitato lembo di terra vulcanica, i “figli dei fiori” hanno trovato il loro habitat naturale, un caldo e confortevole paradiso naturale, lontano dalla civiltà e a quanto pare vicini a una buona scelta di droghe, tra cui anche piante allucinogene, tipo la Datura o era del Diavolo che cresce spontanea lungo i sentieri. Una Goa in mezzo all’Atlantico. Vi arrivarono giovani americani che contestavano la guerra in Vietnam e nord europei, soprattutto tedeschi. Ancora oggi Valle Gran Rey, ex villaggio pescatori nel sud dell’isola, è una enclave tedesca. Molti degli hippies giunti tre decenni fa si sono integrati, hanno aperto negozi, ristoranti e altri piccoli business, come atelier di artigianato. E grazie a loro negli anni la Gomera è diventata una destinazione popolare di molti pensionati tedeschi che vengono a svernare in questa vallata tra bananeti, palmeti e orti biologici. All’inizio la coabitazione con i gomeri non è stata probabilmente facile, ma poi l’invasione è stata tollerata perché creava una fonte di reddito per una isola che non aveva visto lo stesso sviluppo turistico massiccio della vicina Tenerife o di Gran Canaria. Per fortuna, si potrebbe, dire perché grazie agli hippies è stata risparmiata dalla grande speculazione edilizia.
The Brother of Sleep - 1994 - Otto Muehl
(archivesmuehl.org)


   Però c’è un rovescio della medaglia, nel paradiso a volte si può nascondere un inferno come fu proprio con la mecca hippy de La Gomera. La storia parte da lontano, da una comune fondata in Austria, vicino al confine ungherese, dall’artista Otto Muehl (1925-2013), appartenente alla cosiddetta corrente dell’Azionismo viennese, contraddistinta da performance artistiche “estreme” in cui corpi nudi venivano usati come tele e pennellati di sangue, viscere di animali o feci spesso in posizioni erotiche. Scene di violenza visiva intese a frantumare i tabu’ della societa’ dell’epoca. Un ode a liberare le pulsioni più profonde, Eros e Thanatos, per dirla con il suo conterraneo Sigmund Freud, che le usava anche come terapia.
   Questo personaggio controverso, ma perfettamente inserito in quel contesto storico di ribellione e rottura, fonda nel 1972 una setta nel villaggio di Friedrischshof, a poche ore da Vienna, dove mette in pratica i suoi principi dell’amore libero, la vita in comune e il superamento delle convenzioni sociali, come la famiglia monogama e la proprietà privata. L’idea era quella, in gran voga in quel momento, di praticare una assoluta libertà sessuale, di vivere in armonia con la natura e di creare una utopica comunità di esseri liberi e felici dove arte e vita si fondevano. Grazie al suo carisma e alla forza delle sue idee, Muehl ebbe molto successo. La comune di Friedrischshof arrivò a contare centinaia di giovani adepti e a diventare una delle più famose e grandi in Europa. Con gli anni però il potere dell’artista sui suoi seguaci, soprattutto sulle giovani ragazze che formavano il suo ‘harem’ personale, divenne sempre più tirannico e anche perverso. La comune si trasformò in una sorta di gabbia dorata dove Muehl, adorato come un Dio, si comportava da padre padrone. Come “padre” anche nel senso anagrafico perché, secondo la sua biografia, ebbe circa 11 figli dalle sue seguaci.

LA FOTO/ L'arcobaleno e il gigante innevato di Tenerife

 San Sebastian (La Gomera, isole Canarie ), 9 gennaio 2021

  Cosi' e' apparso oggi il vulcano Telde di Tenerife (3.715 metri) visto dall'isola della Gomera. Con uno spesso cappuccio di neve e incoronato da un arcobaleno che si tuffa nelle onde spumose dell'oceano Atlantico. Dopo una settimana di pioggia, causata dal passaggio di una depressione atmosferica sull'arcipelago spagnolo delle Canarie, oggi e' tornato il sole e il vento del nord est che ha spazzato il cielo. L'aria e' gelida, sembra proprio arrivare dalla vetta del gigante di lava che domina l'Atlantico,   



Isola di Hierro, la "Greenwich" del mondo antico. La fine dell'anno alla "fine del mondo"

Puerto La Estaca (isola di Hierro) - Venerdì 1 Gennaio 2021

    La fine dell'anno alla "fine del mondo". Ho scelto l'isola di Hierro, l'isola dell'antico Meridiano Zero, la più piccola e la più meridionale dell'arcipelago spagnolo delle Canarie, per salutare questo anno un po' speciale che ha cambiato il mondo intero e che probabilmente sara' ricordato nei libri di storia come uno spartiacque tra due epoche. 
Claudio Tolomeo - Geografia

   Cosa c'entra Hierro con la fine del mondo? Pochi lo sanno ma questa isola era l'ultimo lembo di terra conosciuta della civiltà greco-romana e anche del Medioevo. Dopo c'era l'ignoto, il mondo selvaggio, una immensa distesa di acqua che faceva paura, hic sunt leones, appunto. Contrariamente a quanto si pensava non erano le Colonne di Ercole, lo stretto di Gibilterra, il limite della navigazione. I romani, e anche i fenici, conoscevano le isole Canarie (che chiamavano Isole Fortunate) da cui importavano la porpora (prezioso colorante estratto da un mollusco attraverso una elaborata procedura). 
    L'isola di Hierro, la più meridionale delle Isole Fortunate, era diventata quindi un punto di riferimento geografico, il confine occidentale delle antiche mappe, il Meridiano Zero o Meridiano di Ferro. Da questa longitudine si tracciavano quindi per convenzione tutti gli altri meridiani, ma solo a Est.  Per secoli l'isola di Hierro e' stata la "Greenwich" del mondo antico. L'astronomo e geografo greco Tolomeo nel II secolo dopo Cristo pone il Meridiano di Ferro alla longitudine zero del suo planetario e cosi' hanno fatto gli altri cartografi fino a un paio di secoli fa. Esattamente fino al 1884 quando con una conferenza internazionale le potenze dell'epoca decisero di adottare la linea che passava per l'osservatorio di Greenwich, in periferia di Londra, una convenzione che la Gran Bretagna già usava da un secolo e che riusci' a imporre con successo alle nazioni rivali. Pare che il Meridiano di Ferro, che continuo' a essere usato da Francia, impero austro ungarico e Germania, fosse un po' troppo approssimativo, d'altronde non c'erano osservatori sull'isola, e quindi cadde in disuso. E poi c'erano ragione di geopolitica. 
   Il faro della Punta de l'Orchilla, nell'estremità occidentale, e' ancora oggi l'ultima terra emersa che si vede prima di attraversare l'oceano Atlantico.  Non e' più la fine del mondo, ma la fine dell'Europa.